Non perdiamo il filo

L’emergenza che stiamo vivendo ci sta mettendo di fronte alla nostra fragilità, la consapevolezza del nostro essere vulnerabili è forse ancora più difficile da sostenere quando aumentano le distanze e si riduce la socialità
La mancanza di un "contenitore" (l’ufficio, l’azienda, la classe, la scuola...) lascia un grande vuoto di senso e di relazione. Serve un “filo” per continuare, per fare ritorno, per non smarrirsi.

http://www.formadeltempo.com/wp-content/uploads/2020/04/filo-751x243.png
http://www.formadeltempo.com/wp-content/uploads/2020/04/filo-751x243.png

Oggi abbiamo tutti questa responsabilità, quella di trasformare la distanza in quel filo che diventi relazione e legame, che mantenga vivo e vitale lo scambio di idee e di emozioni, che consenta di co-costruire nuove visioni e rinnovate interpretazioni per affacciarsi al domani con fiducia.

Leggi anche Flipped Learning